Quinn si dimette

Peter Quinn, il chief information officer del Commonwealth of Massachusetts ha annunciato le sue dimissioni dall’incarico a partire dal 12 Gennaio. Il progetto di adozione del formato OpenDocument (ODF) va avanti, a prescindere dalle sue dimissioni.

Quello che mi deprime e’ notare come la vita personale di un tecnico competente e qualificato sia stata maciullata dalla stampa (il Boston Globe, che ha condotto un’indagine sulle spese dell’uomo –senza trovare macchie) e da pressioni politiche per colpa di una scelta tecnica.

Microsoft non ha voluto e non vuole accettare che un player di mercato totalmente lecito (un governo) scelga di non usare solo prodotti Microsoft, ma invece decida di usare solo formati dichiarati standard internazionali e supportati da svariate aziende. Microsoft, pur di non adottare gli standard non suoi, sta distorcendo la realta’ parlando di scelte anti-concorrenziali.

Certo, passare agli attacchi personali pur di mantenere il controllo sul mercato e’ un salto di qualita’. A Monaco di Baviera o a Vienna non mi risulta ci siano state tali ripercussioni. Dobbiamo co;inciare a pensare che per essere un buon CIO bisogna avere il coraggio di diventare personaggi pubblici?