1 euro speso, 1 punto guadagnato

Nella cassetta della posta ho trovato la pubblicità  della tessera del supermercato GS sotto casa: usando la tessera avrei il vantaggio di accumulare un punto per ogni euro di spesa. I punti accumulati sono spendibili come credito per il catalogo premi. Sia io che mia moglie siamo perfettamente in grado di comprendere che le carte fedeltà  servono alle grandi catene a tracciare le abitudini di spesa dei propri clienti. Però l’altro giorno ero incuriosito dal capire cosa potevo avere in cambio di queste preziose informazioni e sono andato a prendere il catalogo premi.

iPod shuffle + altoparlanti in cambio di 9.900 punti e 55€ in contanti. Sul Apple Store un iPod shuffle da 1Gb costa 109€. Gli altoparlanti sono della Legende, non li ho trovati in vendita da nessuna parte, ma ad occhio varranno al massimo 30€. In totale quindi diciamo che il premio vale 139€.

Facendo un po’ di matematica, spendendo 9.900€ ci vengono regalati 84€ (139€-55€).

In sintesi concludo che secondo i supermercati GS le mie abitudini di spesa valgono lo 0.84% di sconto sui miei acquisti.

La domanda sorge spontanea: ma gli italiani si lasciano trattare così senza dire niente?