PI: ISO, OpenXML al primo round non passa

Certi commenti acritici mi danno davvero fastidio. Leggo su Punto Informatico questo:

E [Microsoft] può sfoderare accordi di un certo richiamo, come quelli stretti con Apple per il supporto di OOXML

Si documenti meglio l’autore del pezzo perché il supporto a OOXML sui prodotti Apple sembra essere largamente incompleto come documentato da chi l’ha provato. Il che conferma che l’unico prodotto che oggi rispetta le specifiche di OOXML è Microsoft Office per Windows, mentre Office per Mac ancora non lo fa. Pensate che bufala questi stanno cercando di rifilare all’ISO! Suvvia.

In tutta questa bagarre nessuno ricorda di dire l’unica cosa che conta: OOXML a questo punto deve essere modificato pesantemente per avere una chance di essere approvato dall’ISO. Usereste voi delle specifiche di un formato di 6000 pagine che, oltretutto, sono ancora in pesante sviluppo oppure usereste un formato standard descritto in 600 pagine, approvato da due anni, supportato da decine di vendor?

PI: ISO, OpenXML al primo round non passa