Visti gli accadimenti della settimana (il processo antitrust alla Microsoft) quasi sfugge la conclusione della seconda conferenza internazionale su GPLv3
Beh, quantomeno è una bella provocazione 🙂 ormai Vista è una barzelletta per ingegneri.
Here I am, waiting for the FON router to arrive… can’t wait 🙂

Negli ultimi giorni ho trascurato un po’ questo mio spazio privato
per dedicarmi maggiormente alla comunità  scrivendo su GNUvox e portando
avanti due altri progetti in Italia di cui parlerò presto.

 Ci
sono però due discussioni in corso che meritano di essere
segnalate. 

La
prima riguarda direttamente la Fellowship: mettere a
frutto il patrimonio di competenza oratoria riguardo al software libero
sviluppato negli anni dalla comunità .  Da una chiacchierata su
jabber con Shane è saltata fuori l’idea di sviluppare una serie di risposte a domande frequenti che solitamente pongono le platee di studenti dopo aver sentito parlare qualcuno di GNU, Linux e del Software Libero.  Shane ha mandato un messaggio sulla lista di discussioni di FSFE e si è sviluppata una chiacchierata interessante.

La seconda discussione è in corso sull’omologa lista di Assoli in italiano e riguarda l’annoso problema dei formati proprietari usati dalle pubbliche amministrazioni.  Dopo aver trovato l’ennesimo bando di gara pubblicato su un sito di un’Università , Paolo Mascellani ha chiesto aiuto per trovare un modo di sensibilizzare i responsabili dei bandi.  Non ci sono ancora state decisioni, ma sicuramente vale la pena sforzarsi di contribuire perché i formati proprietari sono un cancro della società  digitale.

 PS il messaggio originale di Paolo non pare essere nell’archivio della lista, ma se ne dovrebbe intuire il contenuto

Sono sempre molto interessanti questi hack hardware. Un’antenna fatta di materiale di recupero.
.flickr-photo { border: solid 1px #000000; }
.flickr-frame { float: left; text-align: center; margin-right: 15px; margin-bottom: 15px; }
.flickr-caption { font-size: 0.8em; margin-top: 0px; }

uhm, cioccolato

uhm, cioccolato,
originally uploaded by Stefano Maffulli.

Una serata diversa sabato scorso, alla festa BMW durante il salone del mobile. La chiamano cucina molecolare, cioè cibi preparati usando reazioni chimiche e forze della fisica che vanno oltre la semplice somministrazione di calore tramite gas, legna o elettricità . Lo chef, di cui non ricordo il nome, ha preparato un sorbetto e delle alici usando idrogeno liquido. Spettacolare a vedersi, ma non ho assaggiato niente. Nicole ha assaggiato in altre occasioni il gelato e l’uovo preparato nell’alcool.

Questo progetto animato dal prof. Davoli a Bologna è una miniera preziosa. Che bello, e che utile.
Davvero buffa questa licenza, ovviamente non libera perché viola il diritto Zero del software libero, ovvero la libertà  di usare il software senza alcuna limitazione.
Sembra incredibile, ma secondo Reuters Disney sarebbe pronta a distribuire gratuitamente su internet gli episodi delle sue serie di successo, come Desperate Housewives e Lost.

Sempre secondo Reuters il motivo starebbe nella diffusione dei videoregistratori digitali che consentono di saltare la pubblicità , facendo perdere guadagni. Allora la soluzione è distribuire i filmati gratuitamente, ma con spot pubblicitari.

Sono curioso di vedere i primi episodi in circolazione per capire che tipo di sistema di restrizione dei diritti useranno.

Il lancio Reuters: Technology News Article | Reuters.com