links for 2007-11-30

Small changes to the blog

I’ve started the new tag system offered by WordPress 2.3.1 a few weeks ago and I’ve also stopped using the categories. I left them on because I didn’t want to change the archives.’  I’m still looking for a way to deal with dual language posts: WordPress seems not to support natively multiple languages (we talked at the Cena Lunga about this with Giacomo and LK).’  I thought of using different categories, it and eng, but I’m not sure how to achieve separate feeds. Gengo seems too complicated and doesn’t work on 2.3.1anyway, other solutions I found seem abandoned. Does anybody know of a *stable* solution to mark posts as Italian or English, offering two separate feeds?

While I was playing with WP I’ve added two new widgets: one from twitter (more freaky experimenting with social networks) and the new FSF fund raising widget. Put it on your blog too and give yourself a nice Christmas present donating to FSF. Did you know they have also a fund to support the defense of poor moms and kids against the RIAA lawsuits?

Open Source? Microsoft’s split personality

I’m not sure that Bill Hilf’s declarations about Microsoft’s Open Source strategy give a complete picture of the corporate strategy in the near future to compete in a sector that radically changed since Windows came to light in the ’90s. I think that Microsoft is being disrupted and will have to split and go on two different paths. One will continue developing its flagship products (Windows and Office) the usual way. This path is the one that Ballmer and Mundie follow, I’d call it ‘Classic Microsoft’. We all know Classic Microsoft and I agree with Shaun Connoly’s (JBoss/RedHat employee) and Savio Rodrigues regarding its Open Source Strategy:

Microsoft has no plans on flipping any of its flagship products to open source. Period. […]
Microsoft will aggressively fight/compete with products (open source or closed source) that pose a threat to its core products.

It makes perfect business sense. The main problem with this path is that it can’t last forever as it’s being disrupted. A symptom is that Microsoft’s revenues grow slower than competing products: Microsoft growth is stable around 7%-8%, while Google sports two-digits growth and Apple almost goes off scale. Plus there are many signals of decreasing licensing costs under pressure from FLOSS (see Gartner’s report, for example).

Microsoft’s other path is far more exciting and it revolves around a main transition set to happen on July 2008. Microsoft Chief Software Architect (Bill Gates) has quit and has already appointed the successor, the visionary Ray Ozzie. Where is he and what is he doing down there? I couldn’t find many public sign of his activities after his last post on his blog. I heard rumors from Seattle that he is working silently with his group, waiting for gates to open and run free (bad pun 🙂 ). Fortune reports that “Ozzie’s assignment is to Webify everything” at Microsoft.

My guess is that Ozzie will lead Microsoft on the second path, the Disrupting Microsoft. On this path only speculations apply, but I bet that Disrupting Microsoft will be different: with a different strategy and a different approach to open source and the web revolutions than the one we are used to from Classic Microsoft. The Disrupting Microsoft will have to slowly take over Windows and Office, when they will be too tired (or expired) to sustain Microsoft’s hunger for revenues.

Realizing that Microsoft is being disrupted, Microsoft itself is creating its own subsidiary that will follow the disruption to eventually cannibalize Classic Microsoft (something Adobe should consider doing too). Bets are accepted, Ozzie will emerge from the salt mines next summer and we’ll see.

Calabria: gli ultimi sono ultimi

La campagna della Regione CalabriaLa Regione Calabria ha prodotto 6 manifesti con foto di giovani calabresi cui si sovrappongono degli slogan vuoti, di cui fatico a cogliere il senso. Esempio: Terroni? Sì siamo calabresi. Oppure I peggiori? Sì, siamo calabresi. E altri versi simili visibili qui. Proprio non capisco. Qual’è il messaggio? Cosa ci si aspetta che percepisca il pubblico da quelle domande? Io non ho visto nessun messaggio costruttivo o positivo, per cui ho cercato un po’.’  Pare che aldilà  di generare polemica non ci sia null’altro. Siamo di fronte ad uno splendido esempio di sperpero di denaro pubblico. L’agenzia di Oliviero Toscani avrà  la sua bella dose di pubblicità , ma ai calabresi cosa resta? Un’immagine di sfigati.

Quello che davvero mi fa davvero infuriare come meridionale (per fortuna non sono calabrese: sarei molto più offeso e amareggiato) è lo slogan scritto sopra il logo della Regione: gli ultimi saranno i primi. Ma vogliamo finirla? Gli ultimi sono ultimi e tali resteranno finché non si daranno da fare. Quei cartelloni sembrano dire: siamo sporchi, malavitosi, incivili, ultimi in tutto, ma non ce ne freghiamo perché nostro sarà  il regno dei cieli. La Regione Calabria genera polemica mescolando un po’ di buonismo, del cristianismo e, giacché c’erano un tocco di comunismo e semplice populismo.’  Perdonate il fantozzismo, ma mi pare proprio una cagata pazzesca.

links for 2007-11-26

Unsubscribe

Campagna choc di Amnesty International. Il dolore è reale, l’attore è stato per 6 ore nella “posizione di stress”. Soluzione al problema del terrorismo o crudeltà ? Io ho risposto, e tu?

Facebook: with great power comes great responsibility

I have been playing with Facebook lately to check its potential. Everything started when William Ward invited me there in a moment when I was vulnerable (it was before I started the MBA: a few weeks later and I would have gently declined the invitation). In the last weeks I enlarged my network, joined Politecnico network, started fiddling with the MIP group with my colleague Francesco del Vecchio. I advertised the conference about Open Source as business model in the Politecnico network and I got a taste of Facebook’s potential: 220 subscriptions from Facebook. A success. The room was full all the time, with many students. (5 subscriptions came from FB, see Eugenio’s comment). FSF is also experimenting with it as a mean to raise funds and draw attention to the cause.

Is Facebook too good to be true? I was less excited when banners about impotence started to show up close to my profile. What? Then I read on yesterday’s Wall Street Journal about a more serious privacy issue: Facebook’s knowledge of what you do online extends beyond the Facebook.com domain. In other words, if you buy a Christmas present for your friend, (s)he will see it on the News Feed … so long surprise. David Weinberger explains very well why Facebook’s defaults are wrong.

It’s bad to see things that are so useful and fun being damaged by such unfair practices. Companies must all learn the lesson that with with great power comes great responsibility. Being fair to the users is not an option. Meanwhile I’m joining the MoveOn protest and reinforced AdBlock rules to stop all banners from *.ads.facebook.com/*.

links for 2007-11-21

Ritorno dal convegno “Open Source come modello di business”

Ieri ho partecipato alla tavola rotonda dopo il convegno Open Source come modello di business da cui sono rientrato poco impressionato: mi sembrava tutto troppo 1.0, già  visto. Non mi hanno impressionato le ricerche presentate da un dottorando di ingegneria, I modelli manageriali dei progetti Open Source e Qualità  e costi del software Open Source. Non so perché, ma davo per scontato che fossero noti i lavori di Rossi e Bonaccorsi (2002), Daffara (COSPA, FLOSSMETRICS), IDABC, UNU-Merit, ecc che “Open Source” non è legato ad un solo modo (distribuito) di sviluppare software, che i repository di SourceForge contengono pochi progetti attivi ed economicamente significativi, che la qualità  del codice è mediamente alta (ma che non ci sono termini di paragone con la qualità  del codice proprietario, essendo questo invisibile) e altro … Pensavo di sentire qualcosa di nuovo almeno dagli USA, invece il professor Anthony I. Wasserman (Executive Director of the Center for Open Source Investigation, Carnegie Mellon West) si è limitato ad un’introduzione generica al tema. Interessante l’intervento di Massimiliano Magi Spinetti di ABI Lab, sui risultati dell’analisi domanda e offerta nel settore bancario. È stato un convegno introduttivo al tema, speriamo che la Fondazione Politecnico ne organizzi presto una nuova edizione con nuovi contenuti. Evidentemente c’è ancora molta comunicazione da fare.

Nel mio breve intervento alla tavola rotonda ho provato a spiegare che il Software Libero o Open Source non è un settore distaccato, non è un mercato diverso. Il settore è lo stesso, quello dello sviluppo software e le regole del business rimangono tutte valide. La differenza la fanno solo le licenze, gli strumenti legali che concedono diritti di uso, studio, modifica e distribuzione ai clienti. Punto. Open Source non è un modello di business ma è una leva strategica a disposizione del management, sia di chi compra che di vende software o servizi. E ho aggiunto che è una leva imprescindibile: nel settore è in atto una disruption, uno sconvolgimento degli equilibri stabiliti destinato a buttare fuori dal mercato tutti gli incumbent (e i fallimenti di Silicon Graphics e SCO o le nuove strategie di IBM e Sun lo dimostrano). Un caso da manuale di innovazione radicale con cui tutti gli attori, domanda e offerta, devono confrontarsi senza esclusione.

Disruptive technology

Per questo alla domanda “cosa possono fare le aziende italiane? L’Open Source può aiutarle?” non potevo che far notare che il FLOSS va valutato obbligatoriamente anche per le aziende italiane, se vogliono sperare di continuare ad esistere. D’accordo con il prof. Fuggetta: molte opportunità  esistono nei sistemi embedded, tutti i sistemi di automazione meccanica, automotive, negli elettrodomestici. Solo con il FLOSS si può sperare di restare sulla curva dell’innovazione e mantenere la speranza di non essere buttati fuori dal mercato.

Update: Andrea Genovese su 7thfloor dà  una visione più ampia del convegno in generale.

Recensione: Uno bianca e trame nere. Cronaca di un periodo di terrore

Ho avuto la fortuna di leggere il nuovo libro della mia amica Antonella Beccaria “Uno bianca e trame nere. Cronaca di un periodo di terrore“.’  Dopo aver indagato sul clamoroso errore giudiziario (vogliamo chiamarlo così?) sui Bambini di Satana, Antonella si è dedicata ad analizzare il periodo di terrore provocato dalla banda della Uno bianca a partire dal 1987: ventiquattro morti, 102 feriti e 103 azioni criminali, tra l’Emilia Romagna e le Marche.

Il testo scorre veloce, racconta le storie dell’epoca con un taglio giornalistico: pochi fronzoli e artifici letterari, concentrandosi sulla cronaca.’  Alla fine, i criminali sono stati identificati e arrestati, ma Antonella riscoperchia degli interrogativi cui l’inchiesta ufficiale non ha dato risposte convincenti: chi c’era dietro la Uno bianca?’  Come mai c’è voluto così tanto tempo per arrivare ai Savi? Come’  si spiegano i depistaggi e gli intrecci internazionali con la banda belga del Brabante e Gladio?

Un libro che consiglio caldamente di leggere, cartaceo oppure online, visto che Antonella pubblica le sue opere con licenza Creative Commons-Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 e dal 20 novembre sarà  disponibile per il download dai siti Libera Cultura di Stampa Alternativa e dal suo blog personale.