È tempo di cioccolata o dei cioccolatai?

Negli ultimi giorni ho assistito ad alcuni episodi deprimenti. Google ha escluso agli italiani la possibilità  di partecipare al concorso per lo sviluppo di applicazioni per Android, e questo di per sè non è piacevole. Ancora di più sono stati alcuni commenti che ho letto da parte di persone molto intelligenti e capaci i quali si concentrano sulla ‘protezione del consumatore’: le farraginose norme italiane in questo caso hanno fallito, creando un danno ai cittadini italiani, ma in generale sono utili perché i cittadini sono indifesi. A volte mi stupisco che così tante persone mettono a fuoco i dettagli ma trascurano la fonte del problema: in Italia gli italiani sono indifesi comunque perché la giustizia non esiste! Invece di sprecare tempo e risorse a scrivere leggi perfette e complete nei dettagli, a questo punto è meglio spingere per fare tabula rasa del sistema giudiziario e ricominciare daccapo. E poi, capolavoro, salta su l’avvocato che segnala l’eccezione! Bene, ma quell’eccezione per me è parte integrante del problema. Deprimente. Mi tiro su pensando all’alta qualità  dei programmatori italiani, un motivo che convincerà  Google a soprassedere e continuare a tenere l’Italia in considerazione.

A questo filone depressivo si aggiunge il modo in cui è stata approvata la nuova norma per le class action. Deprimente^2.

E per finire, vengo a sapere dal giornalista di Repubblica che il ministro Gentiloni all’evento con Chris Anderson ha detto una sola cosa, vagamente intelligente, mentre i blogger presenti evidentemente hanno visto un altro film dove Gentiloni ha parlato tanto ma facendo una figura diversa… D’altronde il suo ministero è anche il ministero che non ha mai risposto alle lettere e fax con richieste di spiegazioni riguardo la privatizzazione dei CAP italiani. Deprimente^3.

È una brutta barzelletta e stavolta non c’è nemmeno la scusa che è colpa di Berlusconi. È tutto da rifare, bisogna andare giù di ascia, non di sgorbie… altro che concertazione o cercare l’equilibrio. Meglio la cioccolata che i cioccolatai.

Advertisements

5 thoughts on “È tempo di cioccolata o dei cioccolatai?

  1. In effetti Gentiloni è stato un politico al 100%, prolisso e svicolante, ma anche assai spiritoso e intelligente.

    Il che non c’entra niente con la sua azione politica, sia beninteso. C’entra però con la figura che ha fatto alla conferenza. Che non era sulla politica italiana, come ha giustamente detto.

    Boh

    Like

  2. Sinceramente il ministro Gentiloni ha fatto due cose: ha svicolato sulle domande anche leggermente politiche, adducendo il fatto che non si trattava di una discussione di quel tipo e che lui era lì come noi per ascoltare; d’altro canto quando è intervenuto ha dimostrato di non aver forse capito la riflessione che propone Anderson, ad esempio parlando dell’esistenza di due modelli economici contrapposti, quello attuale e quello della coda lunga.
    Sinceramente in una discussione pubblica di fronte ad una schiera di blogger avrebbe dovuto quantomeno sfruttare l’occasione di dire qualcosa di importante rivolto al mondo della rete, soprattutto dopo le polemiche sul decreto Levi.
    L’impressione su Gentiloni mi è sembrata comunque condivisa con tutti gli altri blogger presenti. Ma non facciamone un dramma.

    Like

  3. Grazie per i chiarimenti sull’intervento di Gentiloni: mi rinfrancano 🙂 Resta il problema del suo ministero, della gestione dell’affaire Levi, e in particolare del problema dei CAP italiani. Rimanderemo ad altra occasione il confronto su questo con il Ministro.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s