Andrea: quello dell’equilibrio tra innovazione e standardizzazione è sicuramente un tema ampio, con le due forze in trade-off. Nel caso Nokia-vs-W3C però ci vedo principalmente una mossa tattica per svincolarsi dalla policy anti-brevetti e avere mani libere. Quella policy del W3C è l’unica posta a tutela del web aperto a tutti, dell’ecosistema del software libero e quindi, di rimando, degli utenti. La diffusione di Flash e Silverlight e il boicottaggio di SVG (già  in fase di standardizzazione) non danno segnali positivi per il W3C stesso.