Condannate Google (e l’Italia con essa)

Leggo con raccapriccio sul Corriere di oggi la felicità di Massimo Mucchetti nel chiedere che Google venga condannata dai giudici di Milano con (cito):

una sentenza che potrebbe […] costringere il re della rete, Google, a correggere il suo modello di business aperto e, oggi, irresponsabile.

per la vicenda del video con protagonisti dei piccoli delinquenti che inveiscono su un giovane handicappato a scuola. Mucchetti ragiona pensando alla legge italiana e sostiene che Google Video è come un qualsiasi giornale, tv o anche in un sito web registrato al tribunale. Per questi la responsabilità di ciò che è pubblicato è in capo sia all’autore che all’editore. Secondo Mucchetti Google è l’editore di YouTube e Google Video e dovrebbe essere co-responsabile, verificando e filtrando tutti i video pubblicati: ci guadagnerà meno ma, dice Mucchetti, pazienza.

Chiedere la condanna di Google per questa vicenda mi pare davvero il classico spararsi su un piede, per tutto il paese.  Secondo Mucchetti  i responsabili di Google dovrebbero andare in galera per aver messo a disposizione uno spazio libero su cui chiunque può esprimersi? Uno spazio che ha un pubblico ampio, senza rischi di censure preventive e senza riempire carte bollate per registrarsi ad un inutile tribunale? Vogliamo condannare Google per aver immaginato un’Italia in cui ognuno si prende la sua responsabilità personale per ciò che dice?

Io a questo gioco non voglio partecipare. In questo paese gli spazi liberi dove esprimersi sono ogni giorno ridotti e le responsabilità personali sono sempre scansate: la colpa è sempre di altri, della società, della chiesa, della mancanza di valori, delle famiglie, della scuola … Non di quegli stupidi studenti (che, peraltro, sono già stati puniti). Da noi ci sono altre regole, figlie dell’impostazione fascista che impone il controllo del tribunale e del governo a tutta la stampa, internet inclusa. Se la legge porta a una condanna di Google, la legge è da cambiare.

Nell’Italia delle manifestazioni a favore della libertà di stampa, l’Italia dei monopoli televisivi, delle migliaia di restrizioni alla libertà personale mi tocca guardare attonito al sorgere del tifo affinché venga limitato uno dei pochi spazi liberi con un pubblico ampio rimasto in Italia. Siamo proprio un paese di masochisti.

Things I said on 2009-11-29

  • Remember to prevent #Facebook from using your data in advertising. Set to "No One" both. Easy link: http://is.gd/51CFN #
  • Incredible story of #Google Privacy Counsel advised not to set foot in Italy because of his job: excessive precautions? http://is.gd/52tCQ #
  • ♺ Great analysis by @cdaffara of #ChromiumOS: a look in the code, and in the model http://bit.ly/6Ov3as in reply to cdaffara #
  • !Funambol published a developer's build of the new Client for Mac OS X: grab your copy from http://is.gd/52AQp (README http://is.gd/52AOh) #
  • OMG! My wife was retweeted by Guy Kawasaki 🙂 #
  • Scopro con piacere che si possono vedere i canali Rai in streaming con VLC, ma con Totem dice che non sono in Italia http://bit.ly/68ZAMj #
  • Remember to prevent #Facebook from using your data in advertising. Set to "No One" both. Easy link: http://is.gd/51CFN #
  • I'm looking for that fabulous Simpsons episode where Homer, having Thanksgiving, says goodbye to his feet: see you after holidays #
  • Slideshare is telling me that my slides about "ethics in digital society" is hot on facebook. Cool! http://is.gd/53qNg #
  • An occasion to promote GNU and free sw @cultofmac Apple Fans Flood Microsoft Window Display With “Get A Mac” Tweets http://bit.ly/7zwI8M #
  • How to promote GNU and Software Freedom on 5th Avenue for free http://is.gd/53xPq !fsf !gnu !dbd #
  • Get a new computer for xmas and make sure it runs GNU/Linux: it's free as in freedom #holidaywindows #
  • Believe me when I say: a GNU a day makes the virus go away (take it with a drop of Linux, it adds taste) #holidaywindows #
  • No reinstall, no reboot for years. It Just Works: GNU and Linux on any hardware. Did you try with a netbook? Ask Santa #holidaywindows !fsf #
  • How to promote GNU and Software Freedom on 5th Avenue for free http://bit.ly/7qzDe8/ !ubuntu #
  • microsoft makes its software like it makes its promotional campaigns: badly. Get a GNU with Linux, be happy and safe #holidaywindows #
  • Best xmas present: GNU powered netbook, cool GNU desktop, Linux phone and keep all in sync w/ #Funambol #HolidayWindows #
  • Happy Thanksgiving. I give thanks to charities that promote cooperation and friendship. Join me and donate to http://is.gd/53VTi #
  • Happy Thanksgiving. I give thanks to charities that promote cooperation and friendship. Join me: donate http://is.gd/53VTi #HolidayWindows #
  • me too:where to buy it? 🙂 @cdaffara 260$ for a MacBook Air clone? http://bit.ly/5AF0pT With HDMI? I want one! in reply to cdaffara #

How to promote GNU and Software Freedom on 5th Avenue for free

Get this: Microsoft execs are desperately trying to reach kids and hipsters (pretending Windows is a cool brand) that they allow anybody to broadcast their tweets in the store window at legendary Saks on Fifth Avenue New York.

So here is your chance: tweet about software freedom, GNU, and Windows7sins using the #holidaywindows hashtag. And have fun!

via Apple Fans Flood Microsoft Window Display With “Get A Mac” Tweets | Cult of Mac.

Update: it seems that they are indeed filtering the Twitter stream. From a brief look at the messages posted, though, I wonder what is showing up on that window: most messages are promoting Mac anyway. This IMHO confirms that Microsoft has a long way to go if it wants to reposition its brand into the ‘cool’ realm.

BTW: we can still try to go past the filters and advertise to donate to charities, like FSF, SFLC or EFF 🙂

How To Mix Agile And Software Developed By A Community

Back from Italian Agile Day where Stefano Fornari of Funambol with Marco Abis of Sourcesense animated a debate about mixing Free/Libre Open Source Software (FLOSS) and Agile development methods. I used to think that there was no issue because, after all, free software is a way to release software and it’s not a development method like many still think. Strictly speaking, what makes software free and open source is its license, not how it’s developed. But a lot of FLOSS is indeed developed in similar ways, with distributed teams, volunteer based contributions, merithocracy based leadership and so on. Some of these traits make FLOSS and Agile difficult to mix.

At Funambol we love Agile, me included, and we love to try new things so we proposed an experiment mixing Agile methods with community based development into a new Funambol Code Sniper program. The slideshow below summarizes the basis of this experiment based on the assumption that the community is the Product Owner of the new software.  The community will have to define the user stories and also to define when they’re DONE.

There are still a few grey areas, the biggest being how to distribute rewarding to contributors. I think they should be proportionate to the efforts put into the project. Even if it is possible to evaluate code contributions proportionally to story points (or hours/weeks), code is only a part of software development. Bug reporting, quality assurance, feedback and even writing user stories is important as well: how to evaluate these other kind of contributions? What do you think?

Things I said on 2009-11-22

  • Come irrobustire un monopolio. Gratuitamente. http://maffulli.net/2009/11/17/come-irrobustire-un-monopolio-gratuitamente/ !fsf #
  • Chi va all' #agileday a Bologna venerdì 20 da Milano? Cercasi compagni di treno. #Funambol partecipa in massa (e annuncia novità) #
  • Getting ready for Italian #AgileDay next friday. With #Funambol we'll present a new and #agile Code Sniper: community is the customer #
  • Getting ready for Italian #AgileDay next friday. With #Funambol we'll present a new and #agile Code Sniper: community is the customer #
  • I can't believe I'm sore from playing Wii with my friend's nephews for hours on Sunday. Pathetic? #
  • ♺ @fabricapo Very cool, !Funambol is in !Maemo 5 (that is the #Nokia #N900). http://tr.im/FdPx #
  • Should I be darned if I try to create a #OO.org Impress template again! Major #fail #
  • Tomorrow's presentation at #AgileDay: Designing An Agile Community Program: !Funambol Code Sniper v. 2 http://slidesha.re/tgJbs #
  • ♺ @johnmark how sourceforge overcame management hurdles and made history – http://trunc.it/3go9j in reply to johnmark #
  • mosquitos still alive in Milan! so damn warm outside, these genetically modified beasts live and prosper #
  • Google Chrome OS is not that impressive: data and apps in the cloud? So what? Why would I want that? #notimpressed #
  • interesting talk about leadership in Agile teams. It reminds me that coaches have a bright future #iad09 #
  • RT @cdaffara ChromeOS: in the code there are no things that *need* GOOG; you can redirect auth and links to any other service provider. in reply to cdaffara #
  • Should I ask Santa a netbook for christmas? which one? it must work *very* well with GNU/Linux #
  • Agile and Open Source at #iad09, with Marco Abis and Stefano Fornari http://is.gd/4ZCIA #
  • OMG! My wife was retweeted by Guy Kawasaki 🙂 #
  • RT @cultofmac Journalists Cover Microsoft, Using Macs | Cult of Mac http://bit.ly/8nJgda #
  • Scopro con piacere che si possono vedere i canali Rai in streaming con VLC, ma con Totem dice che non sono in Italia http://bit.ly/68ZAMj #
  • just saw a depressing Critical mass Milano: about 10 communist-wannabe freaks trying to block traffic. Pathetic #

Perché ATM Milano non aiuta la città

Si legge in giro che il problema di Milano è il traffico e la soluzione sarebbe un uso diffuso dei mezzi pubblici.

Poi vai sul sito di ATM per calcolare un percorso e ti rendi conto che per loro il passante non esiste, che il sito mobile non ha i tracciati dei mezzi di superficie e che i dati sul traffico non sono comprensibili se non si è un tassista. Quindi una volta fuori di casa non puoi nè sapere dove si trova la fermata di bus/tram più vicina e non puoi neanche sapere quando passerà un mezzo alla fermata più vicina a meno che non vai alla fermata (e pregare che il visore funzioni).

Allora pensi di chiedere a Google il percorso con mezzi pubblici, ma Google non ha questi dati per Milano mentre la maggior parte delle metropoli ce li ha.

Poi vedi cosa sarebbe possibile se ATM cominciasse a dare all’esterno tutti i suoi dati, come fanno per esempio a Boston. Il core business di ATM è vendere biglietti, quindi invece di spendere soldi per sviluppare client multipiattaforma, mobile inclusi, dovrebbe regalare i suoi dati a tutti come fanno gli altri. I client e i widget li farebbero aziende specializzate a sviluppare applicazioni. Mica è fantascienza: migliorerebbe il traffico.

Come irrobustire un monopolio. Gratuitamente.

Il Ministro Brunetta ha fama di castigatore di fannulloni e di uno che odia gli sprechi. Come tutti quelli prima di lui, tenta di risolvere i noti problemi della pubblica amministrazione italiana con riforme a colpo di decreti, circolari, ordinanze. Esattamente come i suoi predecessori però si lascia irretire dalle elargizioni di Microsoft, che gratuitamente concede licenze per le scuole e la PA digitale. Il ministro ignora che accettando le caramelle regalate da Microsoft non fa altro che irrobustire il monopolio del colosso di Redmond. Il gioco di Microsoft pare chiaro: da un lato regalano le licenze alla Pubblica Amministrazione, incluse scuole e università, perché ciò non costa nulla a Microsoft (il costo di ogni copia del software è zero) mentre il mancato guadagno dalla PA viene scaricato come costo per famiglie e imprese. Erogando servizi basati su Microsoft, la PA costringe i cittadini ad usare prodotti Microsoft, altrimenti non si possono scambiare file e informazioni. Sarebbe come chiedere di compilare i moduli solo con le penne Montblanc.

Inoltre Microsoft, scaduti i termini del regalo, avrà una leva forte per estorcere un prezzo poco più basso del costo di cambiare tutti i sistemi. Gli agenti di Microsoft potranno dire al successore di Brunetta: o paghi per continuare ad usare i nostri prodotti, oppure ti crei il tuo bagno di sangue per far cambiare tutto il paese. Il ministro si informi con i suoi colleghi in Corea del Sud sui danni che crea la monocultura Microsoft in un paese. E magari mi inviti a spiegargli perché il software libero è l’unico strumento per una società digitale libera: credo gli possa interessare.

Quello che mi colpisce è quanto il Ministro Brunetta abbia fatto e detto esattamente quanto detto e fatto dai suoi predecessori. Sebbene lui dica di essere diverso, in realtà mi pare molto uguale.

via Discussioni (Assoli) e 14 novembre 2009 | l’Altro online (PDF).

Things I said on 2009-11-15

How To Evaluate Free Software Business

There are many companies making money with Free/Open Source Software and it’s still not easy to identify a free software company.  I’ve always advocated to put respect of customers’ needs and ethics in digital society as one of the crucial elements to identify a free software business.

Simon Phipps has put together a scorecard, a set of indicators to identify and evaluate companies that use, develop and sell free software based on the adherence to the principles of the Free Software and Open Source movements.

His speech in Bolzano this week is worth listening to. I think this is the right path to advancing  our movement.

A Software Freedom Scorecard [on Simon Phipps, SunMink].